Sostieni l'Eremo

L'Eremo di San Vitaliano Associazione Onlus sostiene numerosi progetti.
Anche quest'anno puoi contribuire alle attività culturali e sociali dell'Eremo destinando il 5x1000 nella prossima dichiarazione dei redditi utilizzando il numero di codice fiscale 93044830615.
Il 5x1000 è prelevato dall'imposta che già paghi al fisco. Farlo è facile, non costa nulla e non è alternativo all'otto per mille della Chiesa Cattolica.
 

Orari Apertura

L'Eremo ed il Sacrario alla Memoria sono aperti:

Ogni Domenica e giorni festivi 
dalle ore 10.30 alle ore 13.30

Ogni Sabato
dalle ore 10.30 alle ore 13.30

Tutti gli altri giorni della settimana
sempre su appuntamento con la segreteria

Per le visite guidate e gruppi contattare la segreteria

Gli orari possono subire variazioni in alcuni periodi dell'anno o in occasione di particolari ricorrenze.

 

INFO SEGRETERIA: 333 75 63 955

E-Mail:  info@eremosanvitaliano.it

 

 

Newsletter

Iscritivi alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato.

 

 

 

 

Entro in preghiera

  1. pacificandomi:
    1. con un momento di silenzio;
    2. respirando lentamente;
    3. pensando che incontrerò il Signore;
    4. chiedendo perdono delle offese fatte e perdonando di cuore le offese ricevute.
  2.  mettendomi alla presenza di Dio:
    1.  faccio un segno di croce;
    2.  per la durata di un "Padre nostro" guardo come Dio mi guarda;
    3.  faccio un gesto di riverenza;
    4.  inizio la preghiera, in ginocchio o come più mi aiuta, chiedendo al Padre, nel nome di Gesù, lo Spirito Santo, perché il mio desiderio e la mia volontà, la mia intelligenza e la mia memoria siano ordinati solo a lode e servizio suo.

Mi raccolgo

  1. immaginando il luogo in cui si svolge la scena da considerare.

Chiedo al Signore ciò che voglio

  1. è il dono che quel brano di Vangelo mi vuol fare: corrisponde a quanto Gesù fa o dice in quel racconto.

Medito e/o contemplo la scena

  1. leggendo il testo lentamente, punto per punto;
  2. sapendo che dietro ogni parola c'è il Signore che parla a me;
  3. usando
    1. la memoria per ricordare;
    2. l'intelligenza per capire e applicare alla mia vita;
    3. la volontà per desiderare, chiedere, ringraziare, amare, adorare.

N.B. Non avrò fretta, non occorre far tutto; è importante sentire e gustare interiormente; sosto dove e finché trovo frutto, ispirazione, pace e consolazione; avrò riverenza più grande quando, smettendo di riflettere, inizio a parlare col Signore.

Concludo

  1. con un colloquio col Signore, da amico ad amico su ciò che ho meditato;
  2. finisco con un Padre nostro;
  3. esco lentamente dalla preghiera.

Alla fine rifletterò brevemente su come è andata la preghiera:

  1. ho osservato il metodo?
  2. è andata male, perché?
  3. quale frutto o quali mozioni spirituali ho avuto?